Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Legge di Bilancio, emendamento su prepensionamenti stampatori (ispirato dalla Elcograf)

Legge di Bilancio, emendamento su prepensionamenti stampatori (ispirato dalla Elcograf)

[Articolo aggiornato il 17/12/2019]

In pensione prima per favorire il ricambio generazionale nelle aziende di stampa e nelle redazioni. È stato presentato un emendamento sui prepensionamenti di poligrafici e giornalisti alla legge di bilancio, depositato lunedì 9 dicembre in commissione Bilancio del Senato: ammonterebbero a 90 milioni di euro in otto anni le risorse a disposizione. Il testo della Legge di Bilancio 2020 deve essere approvato dal Parlamento entro il 31 dicembre 2019, giorno in cui deve essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale entrando dunque in vigore.

Nel corso della discussione in commissione Bilancio del Senato sono state tre le proposte di modifica all'articolo 58 presentate e accolte: tutte e tre le proposte prevedono che al comma 3 dell'«Art. 58-bis» del DDL n. 1586 (ossia del "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022") dopo le parole: «di imprese stampatrici di giornali quotidiani e di imprese editrici» si inseriscano le seguenti: «e stampatrici». Una piccola modifica che permetterebbe anche ai lavoratori delle aziende di stampa l'accesso al beneficio pensionistico previsto per i giornalisti, nel caso in cui una crisi aziendale rendesse necessario un piano di ristrutturazione. Nell'ordine, le proposte di modifica sono state presentate dalla senatrice Barbara Guidolin del Movimento 5 Stelle (emendamento 58.0.2002/7 testo 2), dal senatore del Partito Democratico Vincenzo D'Arienzo (58.0.2002/8) e da alcuni senatori membri della 5ª Commissione permanente Programmazione economica e bilancio: Tosato, Rivolta, Zuliani, Faggi, Ferrero, Fantetti, Damiani, Ferro, Pichetto Fratin, Saccone, Calandrini, Comincini, Conzatti (emendamento 58.0.2002/9).

Il senatore D'Arienzo, di origini veronesi, con un post pubblicato il 12 dicembre sul suo sito web dal titolo "Il Governo per la Elcograf (ex Mondadori)" (azienda per la quale è stato convocato il tavolo di crisi nei giorni scorsi) non fa mistero di quale sia l'azienda che gli ha ispirato l'emendamento. Scrive il senatore: "Il Governo ha accolto le proposte a favore dei lavoratori della Elcograf di Verona. In nottata è stato approvato un emendamento che estende il beneficio pensionistico previsto per i giornalisti anche ai lavoratori delle imprese stampatrici qualora le medesime presentino piani di riorganizzazione o ristrutturazione aziendale in presenza di crisi. È il caso, come purtroppo emerge da tempo, della Elcograf. In pratica, per i prossimi quattro anni, fino al 2023, se l'azienda dovesse ristrutturarsi e presentare al Ministero del Lavoro un piano di riorganizzazione, i lavoratori potrebbero usufruire del beneficio del prepensionamento in presenza di alcuni requisiti anagrafici. È la vittoria del buon senso e dell'impegno di tanti", prosegue D'Arienzo, specificando poi come le sollecitazioni per un provvedimento in questo senso gli siano venute da "tanti veronesi, lavoratori, sindacalisti, dirigenti dell'azienda, un ex sindaco Verona e di centinaia di lavoratori e delle loro famiglie che, grazie a tutto questo, possono trascorrere il Natale con maggiore serenità". Anche la senatrice Guidolin, in un post del 17 dicembre sulla sua pagina Facebook, si dichiarava soddisfatta del fatto che il suo emendamento presentato fosse stato accolto: «Da Nord a Sud in Italia ci sono tantissimi lavoratori di aziende stampatrici in crisi, in una prima fase escluse dalla misura, che dopo anni di sacrificio rischiavano di rimanere senza pensione. In Veneto, ad esempio, i lavoratori poligrafici di Elcograf, ex Mondadori, possono ora tirare un sospiro di sollievo: potranno andare in pensione anticipata».

La riforma era stata in qualche modo annunciata a inizio novembre dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'Editoria, Andrea Martella, che nel corso di un'audizione in commissione Cultura della Camera, aveva detto: «La misura dei prepensionamenti è in fase di perfezionamento. Le risorse per rifinanziare la legge 416 ci sono, si potrà trovare un'intesa e fare in modo che a questo intervento, necessario per le difficoltà che ci sono nel settore, corrisponda un turnover consistente. Io proporrei una percentuale di due a uno». La dichiarazione arrivava all'indomani della cancellazione dei fondi da parte del ministero dell'economia per la mancanza di adeguata copertura, a quanto pare dovuta a una lacunosa informativa da parte del Ministero del lavoro che non avrebbe specificato che i fondi per finanziare i prepensionamenti erano già stanziati dal fondo per il pluralismo. Ma usciti dalla porta, i soldi per i prepensionamenti sembrano rientrare dalla finestra.

Secondo quanto riporta Prima Comunicazione Online, per quanto riguarda i poligrafici dal 2020 al 2023 ci sarebbe la possibilità di andare in pensione per quei lavoratori con almeno 35 anni di contributi, attivi in "imprese stampatrici di giornali quotidiani, di periodici e di agenzie di stampa a diffusione nazionale che abbiano presentato tra il primo gennaio 2020 e il 31 dicembre 2023 piani di riorganizzazione o ristrutturazione aziendale in presenza di crisi". Si procede quindi allo stanziamento di 6,1 milioni di euro per il 2020, 10,2 milioni per il 2021, 11,7 per il 2022, 12,5 per il 2023, 11,6 milioni per il 2024, 7,6 per il 2025, 4,4 per il 2026 e 0,3 milioni per il 2027.

Per quel che riguarda invece i prepensionamenti dei giornalisti professionisti, ci sarebbero 7 milioni di euro per il 2020 e 3 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2021 al 2027, "con conseguente aumento dei limiti di spesa" finora previsti. Potranno accedere ai prepensionamenti quelle aziende che "abbiano presentato dopo il 31 dicembre 2019 piani di ristrutturazione o di riorganizzazione aziendale" e che assumano almeno una persona a tempo indeterminato di età non superiore ai 35 anni per ogni due lavoratori che vanno in pensione.

 

Leggi anche:

Il mercato dei quotidiani in Italia, l'inchiesta del Poligrafico (infografica animata)

Confindustria Cultura Italia, Innocenzo Cipolletta nuovo presidente

Carta e stampa valgono l'1,8% del Pil italiano, ma calano ancora i lettori

Contro la crisi dei quotidiani in arrivo finanziamenti con la legge Editoria 5.0

Gedi-Gnn annuncia 121 esuberi fra i poligrafici, scioperi nei quotidiani del gruppo

dicembre 11, 2019

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

ISCRIVITI

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
TECNOLOGIE E CONSUMABILI

Sotto i riflettori

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I 590 BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

// ]]>