Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Printing e converting: made in Italy all’insegna della stabilità

Printing e converting: made in Italy all’insegna della stabilità

Sostanzialmente stabile l'andamento dell'industria dei costruttori italiani di macchine per il printing e converting. E' quanto emerge dall'indagine trimestrale qualitativa realizzata da Acimga, l'associazione confindustriale che raggruppa le aziende del settore.
L'analisi registra il "mood" degli associati nel periodo luglio-settembre 2013 e traccia le previsioni di fine anno. Sul fronte del fatturato interno il 50% delle aziende partecipanti

all'indagine ha dichiarato che il trimestre preso in esame si è chiuso stabilmente confermando un trend già evidenziato nella precedente indagine trimestrale.
E per gli ultimi mesi del 2013 la maggior parte degli operatori (46%) non prevede variazioni; inoltre, per la prima volta dal 2011, il saldo tra ottimisti (33%) e pessimisti (21%) torna ad essere positivo. Analoga situazione per il fatturato estero. Il 48% degli intervistati ha dichiarato stabilità del proprio fatturato e delle attese di fine anno. Interessante segnalare che nessuna azienda prevede una flessione. Ancora difficile invece l'andamento degli ordini interni nel terzo trimestre anche se il 50% delle imprese intervistate sottolinea la tendenza a una maggiore stabilità entro l'anno. La vocazione esportativa, l'83% del fatturato del settore raggiunge i mercati mondiali, si conferma la forza trainante del settore. Nel periodo osservato oltre la metà delle aziende (52%) ha dichiarato un andamento consolidato degli ordini esteri, il 26% li ha incrementati. Per l'ultima parte dell'anno aumentano le attese di stabilità (65% degli operatori) come pure quelle di incremento degli ordinativi (35% delle imprese).
Confortanti i dati relativi al livello occupazionale. Nel trimestre luglio-settembre il numero di addetti è rimasto invariato per il 92% delle imprese e il restante 8% registra una crescita.
Per gli ultimi tre mesi dell'anno le imprese che prevedono di mantenere invariato il livello occupazionale ammontano all'88%; pari all'8% è la percentuale delle imprese che ha in programma di assumere. 

novembre 05, 2013

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

ISCRIVITI

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
TECNOLOGIE E CONSUMABILI

Sotto i riflettori

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I 590 BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

// ]]>