Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Crescita rallentata per l’industria cartaria italiana. I dati Assocarta

Crescita rallentata per l’industria cartaria italiana. I dati Assocarta

Positivo ma in rallentamento. Si può descrivere così in estrema sintesi l'andamento dell'industria cartaria in Italia sulla base dei dati elaborati dal centro studi Assocarta. Nei primi 8 mesi di quest'anno la produzione ha moderato la sua crescita e il fatturato è stato sostenuto principalmente dallo sviluppo della domanda interna, a fronte di una contrazione di quella estera. Sulla situazione gravano la volatilità del mercato della carta da riciclare e i rincari delle materie prime impiegate nelle cartiere. Si è cauti sul possibile andamento del quarto trimestre 2018, visto il difficile e incerto quadro economico e politico nazionale. Il report di Assocarta sottolinea poi la necessità e l'urgenza di misure concrete per incrementare il recupero degli scarti del riciclo.

In Italia la domanda interna di carte e cartoni (stimata dal consumo apparente) è cresciuta del 4,5%, un dato in discesa di un punto e mezzo rispetto alla prima metà dell'anno e che segue la stagnazione dell'economia nazionale. Le domande più colpite quelle di carte e cartoni per packaging (+6% negli 8 mesi, dal +6,8% del primo semestre), di carte per usi grafici (+3,5% da +6,3% dei 6 mesi) e di carte per usi igienico-sanitari (-1,7% negli 8 mesi dopo il +1,4% del primo semestre). Con una domanda estera in calo tendenziale del 2,3%, il mercato interno resta alla base degli sviluppi dei volumi prodotti. Nei primi 9 mesi dell'anno la produzione di carte e cartoni ha presentato un aumento tendenziale di oltre un punto percentuale.

Dalla sintesi degli andamenti dei volumi prodotti e venduti e prezzi medi dei prodotti del settore (fonte: Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Milano) emerge un fatturato in aumento del 5,9% sui 9 mesi 2017, risultato che risente del forte rallentamento del terzo trimestre (3%) rispetto alle più importanti dinamiche della prima metà dell'anno (+7,8% in gennaio-marzo; +6,7% nel trimestre primaverile). L'andamento del fatturato è connesso alla necessità delle cartiere di recuperare i rincari delle cellulose.

In ambito europeo i livelli produttivi del complesso dei paesi della Confederation of European Paper Industries crescono di mezzo punto percentuale nei 9 mesi: segno positivo per Finlandia (+3,3%), Regno Unito (+0,9%) e Italia (+1,9%); in calo invece i volumi realizzati da Francia (-1,1%), Spagna (-2,7%) mentre Svezia e Germania si collocano in prossimità dei volumi 2017 (rispettivamente -0,5 e -0,3%). A livello globale, crescono Stati Uniti e Canada (+0,5 e +3%), mentre arretrano Giappone (-1,7%), Brasile (-0,4%) nei 9 mesi, Cina (-1,7% nei 10 mesi) e Corea del Sud (-1,4% nei 7 mesi).

Sui mercati internazionali delle materie prime fibrose ci sono ancora discontinue e poco chiare politiche di approvvigionamento da parte dei competitor extra Ue, in particolare cinesi. Per quel che riguarda le cellulose, dopo i rincari che da fine 2016 hanno causato alle cartiere aggravi di costo di 420 $/tonn (+52%) per la NBSK e di 400 $/tonn per l'eucalipto (+62%), dalla primavera-estate scorse i prezzi si sono stabilizzati. Le oscillazioni del cambio euro-dollaro hanno però penalizzato le cartiere europee comportando ulteriori costi.

Alla luce di questo mercato, per l'Italia si rivela essenziale migliorare il riciclo della carta: il 22% degli scarti derivanti dall'attività di riciclo delle cartiere finisce in discarica a causa della scarsa presenza di impianti di recupero energetico. Infine, Assocarta segnala la continua crescita delle quotazioni dell'energia elettrica, che a settembre hanno raggiunto il record di 76,32 €/MWh con un aumento del 57% rispetto al settembre 2017(+27,72 €/MWh), e del gas naturale che, dopo sette rialzi consecutivi, si sono attestate a 29,59 €/MWh (+56% rispetto ad un anno prima).

dicembre 05, 2018

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

ISCRIVITI

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
TECNOLOGIE E CONSUMABILI

Sotto i riflettori

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I 590 BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web