Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

L’industria della carta stampata post-pandemia: strategie e opportunità

L’industria della carta stampata post-pandemia: strategie e opportunità

L'Italia in analisi per guardare avanti. La pandemia ci invita e ci insegna a ristabilire delle priorità e a mettere al centro la nostra salute, a cominciare da quella psicologica. Questa e altre riflessioni sulla realtà "post-pandemica" che si sta creando sono state affrontate con la pubblicazione del Rapporto 2020 sull'industria dei quotidiani elaborato dall'Osservatorio Tecnico Carlo Lombardi per i quotidiani e per le agenzie di Informazione e distribuzione, è stato presentato nel corso di Ediland Meeting 2020, dal titolo "Editoria 2020: Restart Time", che si è svolto a Bologna lo scorso 22 settembre.

I punti di riferimento per questa "nuova realtà" devono essere il benessere sia individuale che collettivo, una nuova organizzazione del lavoro e una "leadership" più snella, capace di leggere e interpretare correttamente la realtà presente senza farsi ipnotizzare dal mondo delle illusioni e delle false o distorte informazioni. Il posto di lavoro nel mondo deve essere reinventato, ovvero molte attività che una volta richiedevano la presenza fisica in ufficio saranno da ora in poi svolte con maggiore semplicità da remoto. Alcune aziende hanno già annunciato che stanno riorganizzandosi per offrire ai dipendenti la possibilità di lavorare da casa in modo permanente.

Quale futuro per le giovani generazioni che si affacciano ora al mercato del lavoro? 

Millenials e GenZ sono sotto i riflettori: la pandemia ha rafforzato il loro desiderio di aiutare la comunità ad un cambiamento, mettendo le persone davanti al profitto, dando priorità alla sostenibilità ambientale, alla ecologia e alla uguaglianza sociale.

La gestione del cambiamento non ha scorciatoie. Si tratta di cambiare attitudini, modi di pensare e di fare. Tutto questo non è immediato, non è possibile cambiare tutto dal giorno alla notte, semplicemente facendo un trasloco oppure aprendo una nuova sede con uffici a rotazione. Sono passi che bisogna fare giorno per giorno, per creare una cultura in cui l'innovazione e il cambiamento siano accettati quale responsabilità di tutti. L'innovazione come cultura aziendale e la diversità come parte fondamentale di nuova organizzazione dinamica per approfittare e sfruttare le nuove opportunità che si presentano nel mercato globale.

L'impatto della pandemia sul settore

Nel corso di Ediland, Manfred Werfel collaboratore di WAN-IFRA (l'Associazione mondiale della carta stampata, in inglese World Association of Newspapers, associazione non profit, non governativa costituita da 76 associazioni nazionali di giornalismo, 12 agenzie di stampa, 10 organizzazioni regionali di media e redattori e giornalisti in 100 Paesi, ndr) ha tenuto a precisare e raccontare il "Trend nel settore della stampa avvenuto nell'epoca Covid". Qualunque discorso non può prescindere dall'impatto che la pandemia ha avuto e sta tuttora avendo nel mondo su tutti i settori industriali. La risposta del nostro settore è stata rapida: è stato rapidamente introdotto il lavoro agile e le videoconferenze nelle redazioni, i processi produttivi sono stati adattati e i team di lavoro sono stati tenuti separati per ridurre il rischio di contagio e sono stati stilati e messi in pratica i protocolli per tutelare la salute nei luoghi di lavoro. Ora i punti fondamentali da verificare sono le conseguenze a lungo termine per l'industria della stampa ovvero si ripresenta la domanda che ormai si rincorre da tempo ovvero se e quanto la carta stampata sopravviverà e quanto la pandemia accelererà la sua trasformazione nel "digitale".

Attualmente nel mondo intero ancora nessun modello di "business digitale della informazione" si è dimostrato veramente valido e il caro "e-paper" seppure vecchio e consunto rimane il punto di riferimento sia nella versione stampata che in quella leggibile tramite internet. Uno dei trend mondiali nell'ultimo decennio è stato la separazione delle attività editoriali dalla stampa, concentrando sempre più il lavoro in aziende dedicate e dotate di macchine flessibili e aperte a collaborazioni in diversi settori: stampa, organizzazione e controllo della distribuzione, acquisizione e vendita della pubblicità locale. In conclusione Werfel ha voluto sottolineare e richiamare l'attenzione degli editori ai quali spetta l'arduo, ma necessario, compito di decidere come sfruttare i vantaggi dei giornali e delle riviste stampate su carta per creare nuovi prodotti, per sviluppare nuovi mercati, per acquisire nuovi clienti e per attirare le nuove generazioni a preferire la carta al web.

L'intervento di Martella

Andrea Martella, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Editoria, ha affidato a una nota, letta pubblicamente da Alberto Di Giovanni, presidente dell'Osservatorio Carlo Lombardi, il suo intervento previsto nell'evento di Bologna. Vari i punti affrontati e molto importanti per il settore - ribaditi inoltre da Martella durante il suo intervento in commissione Cultura alla Camera, il 24 settembre scorso -, come dedicare nuove risorse al contrasto delle fake news e la necessità di cogliere il Recovery Fund come "una sfida da non perdere per mettere in sicurezza il sistema editoriale italiano". Tra le varie misure allo studio vi è quella di "allargare al settore editoriale gli incentivi di industria 4.0", introdurre il credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali e sostenere gli investimenti per il rafforzamento tecnologico; e ancora la stabilizzazione degli aiuti concessi al settore durante la pandemia e la valorizzazione delle professionalità attraverso corsi di formazione e aggiornamento, oltre che lavorare su nuovi incentivi per le scuole per abbonamenti a riviste e giornali e progettare un piano per aumentare i livelli occupazionali del settore.

di Sergio Facchini

 

ottobre 12, 2020

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Related News Related News

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

ISCRIVITI

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
TECNOLOGIE E CONSUMABILI

Sotto i riflettori

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I 590 BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

// ]]>