Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Settore cartario: prevista crescita tra lo 0,5% e l’1% nel 2017

Settore cartario: prevista crescita tra lo 0,5% e l’1% nel 2017

"Il settore cartario crescerà tra lo 0,5% e l'1% nel 2017, grazie ai comparti delle carte per imballaggio, per uso igienico sanitario, oltre alle carte speciali.

 

Una prospettiva che potrebbe però risentire dell'impennata del costo delle fibre vergini e di quelle da riciclare, le prime condizionate dalla quotazione in dollari ma entrambe dipendenti dagli andamenti della domanda asiatica. Solo per le fibre corte 100 dollari di rincaro nei primi quattro mesi dell'anno (da 680 a 780 $/tonn)". È con un cauto ottimismo che il presidente Girolamo Marchi ha aperto oggi l'Assemblea Pubblica di Assocarta svoltasi oggi a Roma.

"L'industria cartaria italiana è un settore maturo che produce un bio materiale ante litteram che svolge un ruolo chiave nell'economia circolare in quanto utilizza una materia prima rinnovabile, il legno, che cresce in foreste gestite in modo sostenibile. Basti pensare che ogni minuto nel mondo, attraverso la fotosintesi, si generano 190.000 tonnellate di cellulosa tanto che le foreste in Europa sono in crescita, negli ultimi 10 anni di 41.285 Km2 – (elaborazione TwoSides su dati FAO 2015) cioè due volte la superficie della Lombardia", afferma Girolamo Marchi. "Un alto tasso di circolarità attestato anche dal 55% dei volumi prodotti che proviene da carta riciclata", aggiunge Marchi "e il tasso di riciclo negli imballaggi è addirittura all'80%. In Italia, ogni minuto, vengono riciclate 10 tonnellate di carta. Inoltre, negli ultimi 20 anni, il settore ha aumentato l'efficienza energetica del 20%. Fondamentale, sempre in un'ottica di compiuta circolarità, il recupero degli scarti dal processo di riciclo - come in Svezia, Austria e Germania - che nel nostro Paese sono l'equivalente di 70.000 tonnellate di petrolio per un valore di circa 23 milioni di dollari".

Durante l'Assemblea Girolamo Marchi ha presentato in anteprima la "Roadmap 2050" del settore cartario europeo, primo settore in Italia a presentare una strategia per raggiungere l'obiettivo europeo di riduzione dell'80% di emissioni di CO2 entro il 2050 investendo su ricerca, innovazione, efficienza energetica e cogenerazione. In coerenza con la Strategia Energetica Nazionale (SEN), appena pubblicata e in consultazione nei prossimi 30 giorni.

Nel 2016 il settore cartario italiano ha prodotto 8,9 milioni di tonnellate (-0,7% su 2015) grazie al 44% di export/produzione con un fatturato di 7 miliardi di euro (-1,3% su 2015) confermando i risultati del 2015 mentre la domanda interna è stata di 10 milioni di tonnellate (+0,1% 2016/2015). Il fatturato verso estero è stato di 3,7 miliardi di euro con un saldo positivo di 218 milioni di euro (279 milioni nel 2015). Nel 2016 i macro-comparti hanno presentato andamenti produttivi diversificati. Carte per usi grafici (-3,7%) che scontano gli effetti dei forti ridimensionamenti degli investimenti pubblicitari su stampa e dell'impatto del digitale. Tenuta delle carte per usi igienico-sanitari (-0,7%) e del complesso delle tipologie destinate all'imballaggio (+0,9%), tra cui le carte e cartoni per cartone ondulato, voce di maggior spicco del comparto (-1,7%), mentre le altre tipologie di carte per imballaggio hanno registrato un +4,2%. In linea con il 2015 il risultato nella produzione delle altre tipologie di carte e cartoni (+0,3%). Il consumo pro-capite di carta in Italia si è attestato su 165 kg come in Svezia e in Finlandia, la metà di quello del Belgio, ma di 100 kg inferiore a quello della Germania. Produrre 200 Kg carta comporta l'emissione di 130/250 Kg di CO2 a seconda della fonte di energia utilizzata (che corrisponde ad un viaggio in auto Roma – Dobbiaco).

 

giugno 14, 2017

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web