Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Bilancio in crescita al Gruppo Cordenons con le carte grafiche e lo sviluppo dell’export

Bilancio in crescita al Gruppo Cordenons con le carte grafiche e lo sviluppo dell’export

 

Mentre la crisi non smette di mordere il settore, c'è un'azienda che continua a crescere grazie alla flessibilità, all'innovazione e alla qualità del prodotto. Il Gruppo Cordenons produce carte fini e tecniche per vari target e mercati, proponendo oltre 2500 articoli. I suoi punti di forza sono da un lato la ricerca e lo sviluppo di carte innovative, dall'altro la capacità di sommare i contenuti tecnologici ai trend creativi del momento, richiamando numerosi clienti di alta gamma.

Dalla tradizione secolare Cordenons ha inoltre ereditato la vocazione a creare carte preziose che richiamano l'eleganza dei prodotti fatti a mano. La flessibilità consente al gruppo di spaziare in un ampio portafoglio prodotti, che include le carte moderne metallizzate e iridescenti, effetti particolari capaci di richiamare le sensazioni tattili e visive della plastica o dei tessuti, oltre alle carte classiche marcate, vergate e goffrate, personalizzabili per colore, grammatura e rifinitura.

L'azienda, presieduta da Ferruccio Gilberti, ha due impianti produttivi, uno in Friuli a Cordenons, vicino a Pordenone, e l'altro in Trentino, a Scurelle. Il fatturato consolidato del 2015 è stato di 85 milioni, realizzato per il 65% all'estero. Con oltre 270 dipendenti, ha una capacità produttiva di circa 40 mila tonnellate l'anno; i tre quarti dei clienti sono distributori, il resto clienti diretti.

Ma quali sono le scelte alla base del successo del gruppo? Lo abbiamo chiesto a Matteo Suardi, in azienda da una decina d'anni e da poco nominato direttore commerciale. "Anche per noi sono stati anni difficili, poi abbiamo individuato la strategia giusta - spiega -: essere davvero noi stessi, non rincorrere i concorrenti e accontentare il mercato valorizzando i nostri punti di forza. In altri termini puntare sui prodotti di alta qualità, che i clienti hanno sempre apprezzato".

"Negli ultimi due anni - aggiunge - abbiamo continuato a crescere come fatturato e redditività, visto che nel 2015 il nostro Ebitda ha raggiunto il 14%. Dopo uno sviluppo così considerevole, gli obiettivi del 2016 sono di proseguire in una crescita sana ed equilibrata: puntiamo a mantenere e di consolidare i passi avanti appena fatti, approfittandone inoltre per riorganizzarci all'interno e per rafforzare la struttura. Questo ci consentirà anche di attrarre nuovi clienti".

I principali utilizzi delle carte grafiche di Cordenons sono la stampa digitale, offset, termografica e litotipografica, la stampa a caldo con o senza foil, la stampa a secco, laser e i processi di taglio e cordonatura per la realizzazione di packaging di lusso. Tra i clienti molti brand della moda, della cosmesi e del vino, che nobilitano con carte speciali confezioni e supporti di comunicazione. Ogni anno l'azienda introduce prodotti nuovi, capaci di interpretare le tendenze del momento.

L'area carte tecniche vale circa il 10% del fatturato: Cordenons opera nel campo della filtrazione di liquidi con prodotti rivolti ai settori alimentare, chimico, farmaceutico e industriale. Oltre a cartoncini, carte e strati filtranti in risposta alle esigenze dei clienti sono stati aggiunti alla gamma i sacchi filtranti, le cartucce e i contenitori che utilizzano tecnologie avanzate.

Le strategie commerciali mirano a valorizzare e diffondere i prodotti di successo, cogliendo il potenziale dei mercati esteri. "I più rilevanti sono l'Europa, che insieme all'Italia vale la metà del fatturato - dice Suardi -. Poi vengono Stati Uniti, Australia e Far East. I Brics? Ci interessano, ma non sono nel nostro orizzonte di interesse immediato. Per il momento il nostro mix è funzionale, però non rinunceremmo a sviluppare le nuove opportunità che dovessero presentarsi".

Un aspetto innovativo di Cordenons è aver scelto le risorse interne per rinnovare il management: oltre a Suardi provengono dal "vivaio", il direttore generale Enrico Caviglia e il direttore degli stabilimenti Luca Monacelli, in azienda da molti anni: è la conferma della lungimiranza di Gilberti, che ha rafforzato la struttura manageriale sommando e valorizzando esperienza e competenze.

maggio 05, 2016

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web