Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Veneta Roto un anno dopo: guarda al dopo-crisi e cerca nuovi clienti

Veneta Roto un anno dopo: guarda al dopo-crisi e cerca nuovi clienti

Veneta Roto un anno dopo si conferma una presenza attiva, tra speranze e aspettative venate di ottimismo. Creata nel momento più difficile della OPV – Offset Print Veneta per subentrare all'azienda veronese e non disperderne il patrimonio di mercato e di competenze tecniche, nel 2013 ha visto aprirsi una finestra di rilancio con l'entrata di Pigini Group al 70%. Un'operazione condotta in un'ottica di rinnovamento ma anche di continuità,

vista la presenza della vecchia proprietà con il residuo 30%.  "Non posso definirla ancora missione compiuta, anche perché la situazione si è rivelata un po' più difficile di quanto pensavamo, ma siamo in una fase di evoluzione – spiega Pierpaolo De Sanctis, amministratore delegato di Veneta Roto –. In parte dipende dalle condizioni del mercato, che non sta certo vivendo un momento brillante, e in parte dal necessario riallineamento tra i bisogni dei clienti e l'offerta che possiamo presentare. Il nostro target di breve periodo è lasciarci del tutto alle spalle le difficoltà del passato".
OPV, creata nel 1985 da Francesco Calderara, era un player qualificato per la stampa piana e roto di qualità, ma da un paio d'anni navigava a vista. La sottovalutazione delle difficoltà ha fatto precipitare la situazione fino alla richiesta di concordato finalizzato alla liquidazione. Scongiurata la chiusura con l'affitto del ramo d'azienda da parte di Pigini Group, è iniziata la risalita, resa però più complicata da un mercato asfittico.
De Sanctis sta cercando ora di recuperare credibilità tra i clienti, valorizzando sul lato dei fornitori le relazioni esistenti col Pigini Group, che porta in dote stabilità e garanzie. "Abbiamo fiducia nella ripresa – aggiunge –, e comunque nei nostri obiettivi c'è una presenza commerciale e produttiva nel Nord Italia dove prima non eravamo presenti. Consideriamo il Veneto una regione di primo piano e puntiamo inoltre ad acquisire know-how e tecnologie che ci mancavano e porteranno vantaggi a tutto il gruppo". Nel subentrare a OPV, Veneta Roto aveva ventilato la possibilità di 2-3 assunzioni oltre al salvataggio di 15 posti di lavoro. Traguardo raggiunto e organico completato, dice De Sanctis, che ritiene possibile ma non ancora deciso l'accentramento a Loreto dei servizi amministrativi e commerciali. Anzi, sono in corso trattative per collaborazioni nell'area commerciale, in attesa che il mercato si rimetta in movimento. "Ci prepariamo al dopo crisi, a guardare oltre. Quando abbiamo raccolto la sfida di OPV dicevano che eravamo dei matti – ricorda – ma noi proviamo a essere ottimisti: la crisi passerà".
L'ad di Veneta Roto conferma il target: commesse di alto livello per clienti di rilievo (in portafoglio nomi come Cartier, Max Mara, Gucci o Primigi), da integrare con buyer di fascia media e un buon rapporto spesa/qualità. Un mix che ponga rimedio alla scarsa sostenibilità di lavorazioni cui veniva dedicata molta attenzione anche quando il valore aggiunto era limitato: insomma, clienti seguiti come se fossero tutti delle griffe... Tra gli obiettivi c'è anche la progressiva creazione di un'area commerciale a livello di gruppo, che consenta di presentare alla clientela un'offerta complessiva. "La nuova azienda è stata messa in sicurezza rispetto alle problematiche che avevano determinato le difficoltà di OPV, ma non può ancora camminare con le proprie gambe perché non genera redditività, essenzialmente per i limiti del fatturato. A entrare in crisi era stato un modello che funziona per le piccole imprese di nicchia, ma non regge più quando si cresce. Per questo – conclude De Sanctis – abbiamo cercato di applicare a Verona, seppur tra alcune iniziali ostilità, i principi e i criteri applicati con successo nel Pigini Group, che ha 250 dipendenti e 80 milioni di fatturato". 

maggio 28, 2014

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Related News Related News

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

ISCRIVITI

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
TECNOLOGIE E CONSUMABILI

Sotto i riflettori

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I 590 BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

// ]]>