Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Leva Arti Grafiche e Grafiche Milani, in corso prove tecniche di accordo

Leva Arti Grafiche e Grafiche Milani, in corso prove tecniche di accordo

Giacomo Leva usa il termine "trattative" che potrebbero portare a tutto (un'integrazione), alla metà (un'intesa commerciale) o a niente. Giuseppe Gilardi invece si limita a parlare di un semplice approccio tra due amici che si conoscono da trent'anni. Quel che è certo è che da un paio di settimane, Giacomo e Giuseppe, alla guida rispettivamente della Leva Arti Grafiche di Sesto San Giovanni e delle Grafiche Milani di Segrate,

sul tavolo dei colloqui, oltre all'amicizia, hanno messo anche gli affari. L'idea è quella di studiare un percorso comune che possa portare a una qualche forma d'accordo tra le due aziende. Ma di semplice idea ancora si tratta e bisognerà vedere nelle prossime settimane se dalle parole si passerà, come si dice, ai fatti.
Non c'è dubbio, riconosce Giacomo Leva, che il mercato della stampa continui a vivere un periodo difficile e che si sia alla ricerca di formule in grado di consentire economie di scala, un più forte presidio dei mercati e una maggiore competitività. In questo quadro rientra il possibile progetto di collaborazione (o intregrazione) tra la Leva e le Grafiche Milani, entrambe aziende affermate nel mercato della stampa offset di qualità. La Leva conta su circa 7 milioni di euro di ricavi e 42 dipendenti e opera, con un parco macchine a foglio, sia nell'editoriale (stampa la celebra agenda Smemoranda) sia nel commerciale. Le Grafiche Milani sono una realtà più consistente (16 milioni di ricavi, 60 dipendenti e un forte reparto offset di casa Kba con macchine in formato 70x100 e 120x160 a quattro, cinque e sei colori) con una maggiore propensione verso la stampa commerciale e la presenza in un mercato "ricco" come quello del lusso. Sarebbero quindi complementari e in grado, unendo le forze (con un'integrazione o un'acquisizione della Leva da parte delle Milani e la concentrazione in un'unica realtà produttiva) di aumentare il loro impatto sul mercato. Ma, come detto, il condizionale è d'obbligo. La trattativa, o l'approccio che sia, è iniziata. Non resta che attendere se darà i frutti sperati.   

ottobre 27, 2011

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

ISCRIVITI

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
TECNOLOGIE E CONSUMABILI

Sotto i riflettori

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I 590 BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

// ]]>