Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Impronta Digitale, dalla stampa digitale a quella tradizionale

Impronta Digitale, dalla stampa digitale a quella tradizionale

Impronta Digitale è sicuramente il più giovane etichettificio italiano, sia in termini d'inizio attività sia dal punto di vista anagrafico: l'azienda è stata, infatti, fondata a Noale (Venezia) nel 2013 dai due fratelli Linda e Ludovico Picello, ai tempi rispettivamente di 27 e 23 anni.

L'azienda - specializzata nella stampa di etichette in digitale – è partita con una macchina da stampa digitale a bobina abbinata a una fustellatutrice laser, un investimento importante che ha dato da subito buoni frutti.

A solo un anno dalla nascita si è reso già necessario dover reinvestire per fare fronte agli ordini crescenti. Ma questa volta i due fratelli hanno optato per una soluzione di stampa tradizionale, essendo le tirature superiori alle 2000/3000 copie e richiedendo le etichette da vino più lavorazioni in linea per la nobilitazione (verniciatura flexo e lamina a caldo).

Da qui la decisione nell'estate del 2014 di acquistare una Gallus TCS 250 configurata con quattro gruppi stampa offset per la quadricromia, gruppo per l'applicazione della lamina a caldo, un altro gruppo di stampa offset, un'unità di stampa flexo e una fustella semirotativa.

La macchina è, inoltre, dotata di forni UV di ultima generazione con piastra raffreddata all'acqua per stampare supporti plastici senza dilatazioni.

Per l'esposizione della lastre è stato scelto un CtP Heidelberg Suprasetter A 74 formato 270 x 340 mm senza sviluppo.

Le macchine sono arrivate ai primi di dicembre e grazie alla professionalità dei tecnici Macchingraf in sole due settimane era tutto installato e funzionante.

Il problema che si è posto è stato quindi di scegliere all'interno dell'azienda chi avrebbe operato su una macchina così complessa in quanto l'azienda era formata ai tempi dai due fratelli Picello e da due dipendenti già oltremodo oberati.

Per non smentire l'animo giovane dell'azienda, si è deciso di assumere un ragazzo appena uscito da una scuola grafica salesiana che, dopo un training effettuato dagli istruttori Macchingraf, è stato in grado di operare su una macchina oltremodo complessa e lunga più di 15 metri.

febbraio 09, 2015

 
 

comments powered by Disqus
 

Related News Related News

.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

ISCRIVITI

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
TECNOLOGIE E CONSUMABILI

Sotto i riflettori

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I 590 BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

// ]]>