Salta al contenuto

Cookie Notification Cookie Notification

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Category Menu Category Menu

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Labelexpo, cresce il digitale anche nella nobilitazione

Labelexpo, cresce il digitale anche nella nobilitazione

 
 
 
 
 
 
 
 

Un'edizione record quella che si è tenuta dal 25 al 28 settembre presso il quartiere fieristico di Bruxelles: 679 espositori, di cui 198 "new entries", su una superficie pari a 38.500 metri quadri che occupava in totale nove padiglioni, il 12% in più rispetto al 2015. Dati in crescita anche sul fronte dei visitatori, provenienti da 139 Paesi: 37.724, il 5,6% in più se paragonati ai 35.739 del 2015, con nutrite delegazioni da Brasile, Cina, India e Giappone.

Se le etichette continuano a rappresentare il cuore pulsante dell'evento, si sta assistendo negli anni a una diversificazione del tessuto espositivo, che abbraccia sempre più aziende attive nella stampa del packaging flessibile, con un appeal maggiore per i brand owner e gli stampatori a banda larga. Con il 25% in più di macchine funzionanti, Labelexpo 2017 è stato il trampolino di lancio per un gran numero di nuove soluzioni da parte di molti produttori di macchine leader nel settore delle etichette. Quest'anno l'inkjet è stata senza dubbio la tecnologia protagonista, non solo a livello di stampa, ma anche di nobilitazione. Il digitale, che è senza alcun dubbio in crescita, gioca un ruolo importante anche nelle macchine ibride, in cui le unità inkjet si affiancano a gruppi flexo, offset o serigrafici, con l'obiettivo di creare etichette complesse e nobilitate in un singolo passaggio.

 

Oggi la stampa digitale rappresenta il 9,7% del valore del mercato in Europa: il 76% è costituito da sistemi a baser toner, mentre il 24% da soluzioni inkjet/ibride.

Se si analizza, invece, la domanda di etichette a livello internazionale (fonte: AWA –Alexander Watson Associates – 2016), si ha la conferma che le etichette autoadesive fanno la parte del leone con un 40%, seguite dalle etichette acqua e colla (36%), quelle sleeve (18%), in-mold (2%) e altre (4%). Altro dato curioso: il continente che nel 2016 ha "consumato" la maggior quantità di etichette è l'Asia con il 43% dei volumi. Con un discreto distacco seguono Europa (25%), Nord America (19%), Sud America (9%) e, infine, Africa e Medioriente (4%).

Seguirà un resoconto più dettagliato nel prossimo numero del Poligrafico.

ottobre 11, 2017

 
 

comments powered by Disqus
 

Lead contact Form Lead contact Form

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Most read news Most read news

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Newsletter Mailup Newsletter Mailup

STAMPAMEDIA NEWS

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
SERVICE DI STAMPA

W2P HUB

Stampatori online

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I FORNITORI

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
DATABASE

I GREEN

Industria della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Icon
CLASSIFICHE

I BIG

della Stampa

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

 

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web